Sauro Albisani

Home>>Autori>Sauro Albisani

UNA MUSA PER DUE POETI di SAURO ALBISANI

Dopo la presunta apostasia di Betocchi circolava nella cerchia degli amici comuni una boutade di Caproni che dietro l'apparenza caustica nascondeva un sottotesto di misericordia intellegibile soltanto a chi avesse avuto in sorte di poter constatare la fraternità del legame fra i due grandi poeti. Raggiunto dalla notizia spiccia e semplicistica della perdita della fede da parte di Betocchi, pare che Caproni esclamasse: “E ora che facciamo? In tanti l'avevamo delegato a credere per tutti noi!”

Frammenti per un’apologia del silenzio di Sauro Albisani

Se dovessi scegliere una poesia che rappresenti per me la più alta meditazione sul silenzio, certo sceglierei L’Infinito. Parlammo una volta dell’Infinito – in un clima d’intimo raccoglimento che avvicinava la conversazione a una preghiera laica, intonata nel nostro dialogo a una fanciullesca commozione condivisa da entrambi – con Orazio Costa nell’imminenza d’una progettata lettura open dei Canti, da farsi a Recanati e che poi per vicissitudini diverse e non nuove non si sarebbe realizzata.